Carissimo

aprile 30, 2009

Carissimo, benvenuto

NON SO COME CI SEI ARRIVATO, QUI.

I MIEI ARTICOLI LI PUOI LEGGERE QUI: www.giornalismi.info/aldovincent
E LE VIGNETTE QUI:
http://aldoelestorietese.dilucide.com

TI ASPETTO

 

CIA’

ALDO VINCENT

Annunci

Una notizia BELLISSIMA

aprile 27, 2009

Una notizia BELLISSIMA

Il vecchio adagio:”Se non è una brutta notizia, non è una notizia” non vale il lunedì mattina, quando la prima che leggi sarà come la chiave di violino che dà il tono a tutta la sinfonia della settimana. (Ciumbia, che scrivere aulico! Si vede che sento l’influenza – oddio, con la porca aria che tira meglio dire l’ascendente – della prima notizia del mattino, quella che ti fa pensare che Nostradamus, i Maya, la Sibilla Cumana si sono sbagliati tutti e non è vero che la fine del Mondo verrà il 12/12/ 2012 ma che forse quella sarà la data dell’inizio di un Mondo Nuovo).

E qual è questa notizia, di grazia?

Cofferati condannato per comportamento antisindacale?
La Salma di Pinaut alla Fenice?
Maltempo: due morti in Sicilia per il vento, strade in tilt per la pioggia in Piemonte e Liguria. Non è che occorre ricostruire non solo l’Abruzzo, ma tutto il Belpaese?
Il Porcellum uccide in Europa?

Mavalà. La notizia della speranza è questa: BELLISSIMA, la satira del Bagaglino, chiude per mancanza di pubblico. Piersilvio, il giovane dirigente Mediaset con un brillante futuro dietro le spalle, l’Uomo che si è fattodasè e che a soli quarant’anni è già figlio di Silvio ed erediterà tutto lui con la sorella Marina a prescindere da cosa ha studiato, da cosa ha fatto dalle letterine che ha steso…
ebbene questo Piersilvio, immemore della passata militanza di questi poveri guitti d’antan, davanti ai numeri, chiude baracca e Bagaglino e apre alla speranza: “Vorrei avere mio padre in un Reality Show”
Ma caro figliolo, siamo già tutti in un Reality Show, non lo vedi?

Oh, per carità, non è che perché era Satira per modo di dire che non manifestiamo la nostra solidarietà ai comici, venduti ma sempre comici. Noi esultiamo per la mancanza di pubblico. Che forse si sta evolvendo. Che fischia il Cavagliere in piazza. Che non fa uscire di casa Alemanno. Che dice a Formigoni di andare affanq…
Vuoi vedere che forse il vento gira?

Appropò

Quando girano le pale

Nella confusione che regna sovrana al TG1, in attesa di un nuovo direttore che almeno tolga la sfera di cristallo dalla sigla e ci rimetta il Mondo, luogo da cui provengono le notizie, il TG1 in pieno marasma ha mandato in onda un’intervista al premier, ma non sapendo bene che aria tira, l’ha intervistato sotto il suo elicottero, così di quello che diceva non si capiva un kazzo…
Non che faccia la differenza con le altre volte che il $alvatore d’Abruzzo parla, ma qui si capiva chiaramente che loro sono per il momento neutrali…
Semplicemente geniali, quelli del TG1..

Michael Jackson e i fantasmi

Povero ragazzo, che tenerezza mi fa. Pensate che in occasione della sua rientrè voleva affittare per un milione di sterline il Foxbury Manor, un antico castello del Kent e invece a mezzanotte il proprietario è stato visitato dai fantasmi che abitano quel maniero che, spaventati, hanno minacciato di andarsene e arrivava quel cinquantenne bianco!

http://www.giornalismi.info/aldovincent

Ho ricevuto un WARNING da Facebook

marzo 17, 2009

Ho ricevuto un WARNING da Facebook

 

Questo:

 

Our systems indicate that you’ve been misusing certain features on the site.  This email serves as a warning.  Misuse of Facebook’s features or violating Facebook’s terms of use may result in your account being disabled .

 

PRIMA DONANDA: Kekkazze’ il misusing?

 

Ora le cose che ho fatto in questi giorni sono:

 

1- Ho bestemmiato perche’ non mi piace il nuovo FB

2- Ho aperto un gruppo FREE BLOGGER Beppe Grillo e ho invitato tutti i miei amici

3- ho messo i link ai miei due blog di satira politica

4- ho messo le foto di Berlusconi coi capelli

5- ho chiesto a una dozzina di OSTINI se hanno notizie dei miei parenti di Erba

6- Mentre scrivevo mi sono messo le dita nel naso…

 

Quale di queste immonde azioni mi ha fatto guadagnare un Warning?

 

State in campana, amici, che se scompaio dalla circolazione, voi sapete chi mi ha rapito…

 

 

ALDO VINCENT

http://aldoelestorietese.dilucide.com

http://www.facebook.com/profile.php?id=1357875125

 

 

 

 

Vi racconto una storiella da scompisciare…

Massì, con tutti i problemi che abbiamo, vi racconto una storiella per farvi ridere.

Qui a Santo Domingo, dove sono incastrato ormai da mesi, proprio ieri il Comandante dell’Armata Colombiana, nel firmare un accordo con la Marina da Guerra dominicana per stroncare il traffico di droga, ha affermato che da questa isola caraibica partono ogni anno CENTONOVANTAMILA CHILI DI COCAINA proveniente dalla Colombia e destinata ai Paesi Europei.

 

Già questo fa ridere, non trovate? Che poi qui siano residenti le migliori famiglie mafiose, dai Gambino agli eredi Provenzano giù giù fino ai veri e propri cavalli, mette il buon umore, soprattutto quando passeggiando li riconoscete alla vista, nuovo Made in Italy d’esportazione che tanto ci inorgoglisce.

 

Ciò premesso, questa è la storiella che vi farà sorridere: l’altra settimana si è presentata ai cancelli del deposito di container della PARMALAT una pattuglia di 12 uomini dell’antidroga, comandati da un colonnello che ha mostrato i documenti alla guardia e poi l’ha fatta immobilizzare.

Incursione in stile cinematografico e la pattuglia rimane per ben quattro ore nella Parmalat ma poi inspiegabilmente se n’è andata con il nulla di fatto.

Il problema è che la radio e le televisioni locali hanno dato la notizia dell’incursione, e alle domanda pressanti su come si siano svolti i fatti, il portavoce della polizia a tarda sera ha dovuto fare una dichiarazione ufficiale in cui ha detto che alla Parmalat quattro banditi armati hanno immobilizzato il guardiano e fatto una rapina. Ma, insistono le televisioni private, il guardiano dice di aver visto i documenti di un colonnello, bene, forse indagheremo sul colonnello per sapere se ha partecipato alla rapina, infatti dalla cassa della Parmalat mancano 300.000 pesos dominicani (circa 10.000 dollari, una bazzecola se fosse la corruzione per non sequestrare un carico di cocaina in un contenier).

 

A tutt’oggi, nessun progresso nelle indagini.

Non è una storia che fa ridere?

 

 

 

 

República Dominicana y El Caribe, según afirmó hoy el comandante de la Armada de la República de Colombia, Guillermo Barrera Hurtado. Barrera Hurtado hizo la afirmación al suscribir un acuerdo de colaboración con el jefe de la Marina de Guerra dominicana, vicealmirante Luis Homero Lajara Solá, para desarrollar una agenda común contra el narcotráfico, el tráfico de armas y de personas.

 

 

LA SITUAZIONE MONDIALE È SERIA MA FORTUNATAMENTE NON DISPERATA

QUELLA ITALIANA È DISPERATA MA DISGRAZIATAMENTE NON È SERIA

 

 

Obama: E SE FOSSE UN NEGRO STR°°ZO?

marzo 12, 2009

Obama: E SE FOSSE UN NEGRO STR°°ZO?

Certo, commentare un articolo uscito sul Giornale, fa quasi ridere, non per l’articolettista che l’ha scritto, ma per il suo Direttore che è riuscito a ridicolizzare la creatura che fu di Montanelli.

Pure Roberto D’Agostino, il famoso indiscretino del Web che raccoglie la palla al balzo e sicuro che non ci sarà nessun Bonaiuti che gli farà cancellare il titolo, dà la stura al suo malcelato cafonale per titolare su Dagospia:

E SE FOSSE UN NEGRO STRONZO?
– OBAMA SNOBBA I BLOGGER (CHE HANNO TIFATO PER LUI): “FUTURO DEL GIORNALISMO? NON CREDO, SONO FUORVIANTI E SEMPLICISTICI, LI LEGGO RARAMENTE” – E SUL WEB SCATTA LA RIVOLTA – DRUDGE GODE: “ORA SMETTERANO DI DIFENDERLO”…
Matteo Buffolo per “Il Giornale”

Ed eccolo, questo Buffo, Buffolo che scrive un’articolessa tutta tesa (la trama della strategia comincia ad essere chiara) a sputare veleno contro Obama e la sua politica.

Allora, vediamo, cos’è successo.
Il New York Time intervista per 45 minuti! il Presidente degli Stati Uniti in volo sul suo Air Force One. Un’intervista veloce, a botta e risposta che riassume su SEI pagine web.

Si parla di tutto, ovviamente, e verso la fine il giornalista chiede:
– Sir, cosa sta leggendo in questi giorni?
– Vuol dire oltre al NY Times? (ride perché la battuta è buona)
– OLTRE al NY Times, legge il web?
– Leggo la maggior parte dei giornali nazionali
– Legge i riassunti o direttamente dai giornali?
– Leggo direttamente dai giornali…. Ma spendo la maggior parte del tempo a leggere relazioni (breefeing)… non guardo la televisione, lo confesso, e raramente leggo i blog..
FINE Non dice altro!
D’altra parte, cos’altro avrebbe potuto dire?
E secondo voi, questa dichiarazioncella può dare la stura alle bordate italiche da parte di queste truppe cammellate al soldo del Padrone?
Ridicoli.


CHI VOLESSE SENTIRE L’INTERVISTA DI OBAMA IN VIVA VOCE PUO’ ANDARE QUI:
http://www.nytimes.com/2009/03/08/us/politics/08obama-text.html?pagewanted=5&_r=1&sq=obama%20interw&st=cse&scp=1
LA TRASCRIZIONE INTEGRALE DELL’INTERVISTA L’HO MESSA QUI: http://www.giornalismi.info/aldovincent

Da Repubblica di oggi:

marzo 11, 2009

Da Repubblica di oggi:

Un rapporto di Medici Senza Frontiere analizza lo spazio dedicato alle più gravi catastrofi umanitarie dagli organi di informazione italiana: guerra, fame, malattie non arrivano sulle prime pagine

“Briatore vale più del Darfur”

Vabbe’, guardiamo la parte buona della notizia:  Msf ha dichiarato Briatore una catastrofe umanitaria, e questo è già qualcosa…

 

 

 

Via, si scherza, ma si dovrebbe piangere. Non solo per la situazione denunciata (la metto tra i documenti http://www.giornalismi.info/aldovincent così ve la leggete con calma, perchè merita) ma pure Moshochoritis, il direttore di MSF Italia, che lancia un’iniziativa “Adotta una tragedia” alla maniera della De Filippi o della Carlucci mentre ci prendono in giro con i loro programmini televisivi, lanciano il solito mandate un messaggino, costa solo 1 Euro. Pure la ricerca spasmodica di un accordo con la Federazione della Stampa, denuncia il tentativo di spettacolarizzare che non suona giusto.

 

Allora, conoscendo l’apertura mentale di Repubblica, proprio sotto l’articolo dove c’è scritto: mandate i vostri commenti, ho scritto:

 

Condivido le preoccupazioni di Medici Senza Frontiere. Quello che spiace però è che si sia dimenticato di dire che quelle poche notizie su queste tragedie escono dal Web ad opera di Hakers della notizia come me che disinteressatamente si occupano di queste cose. Sorprende pure che tra i contatti, MSF dimentichi il Web, dove troverebbe molta comprensione (ma meno soldi?) R.S.V.P.

 

Ahimè, il commento non ha superato il filtro della redazione e non è stato pubblicato. Non sorprende. Nel Forum di Kataweb si possono postare interventi SOLO se si è cooptati da una moderatrice spocchiosetta che mi ha bannato quando mi sono lamentato…

Vabbè, bannare me, non fa più notizia…

Ehehehe

 

http://aldoelestorietese.dilucide.com

 

COME S’E’ RIDOTTA L’UNIVERSITA’ ITALIANA

marzo 10, 2009

COME S’E’ RIDOTTA L’UNIVERSITA’ ITALIANA

 

Questo è il link:
http://www.youtube.com/watch?v=aWHq9O7oLlw

andate a vedere voi stessi una lezione magistrale alla Facoltà di Giurisprudenza a Roma, del noto giurista Franco Califano. (Si vede che il Preside ha saputo che è stato in galera e lo ha chiamato quale esperto…)

La satira l’è morta…

[URL=http://img135.imageshack.us/my.php?image=francocalifano9.jpg][IMG]http://img135.imageshack.us/img135/4891/francocalifano9.jpg[/IMG][/URL]

http://aldoelestorietese.dilucide.com

L’edilizia popolare del Berluskones

marzo 7, 2009

L’edilizia popolare del Berluskones

«E adesso liberalizzo l’edilizia»
Le licenze edilizie sostituite da perizie giurate dei geometri
o anche meno…

Meno male che c’è Berlusconi che ci pensa, altrimenti la crisi si farebbe sentire ecome! Intanto ha incassato un cash di 160 milioni dalle sue aziende che l’hanno scorso gli avevano dato “solo” 100 milioni. Unico imprenditore ad aver incrementato gli utili in questi tempi di crisi. (chissà come ha fatto, verrebbe da dire…)

Lui lo sa che le banche sono tecnicamente tutte fallite, e per non rischiare, a differenza dei figli che hanno lasciato gli utili come investimento, lui si è messo in tasca il gruzzolo (stavo per dire il maltolto, boccaccia mia) e dove investirlo per non avere contanti tra le mani quando la crisi esploderà sul serio? Ma nell’edilizia, ca va sans dire! Ed ecco che altro miracolo! – ora si fa un paio di leggi ad hoc per facilitare l’edilizia e per aggirare lacci e lacciuoli cosa si inventa? Leggi regionali. Così, comincerà dalla Sardegna, dove sua figlia Berluschina ci aveva bloccati 2.000.000 di metri cubi di cemento sul litorale con azienducole di famiglia.

D’altronde è tutto scritto: ha vinto le elezioni e si prende la Sardegna, in attesa, come dice Benigni, di sbarcare in Corsica.
Ma da quelle parti di nani imperatori ce ne hanno avuto uno e credo gli basti.
Ci sarebbe lo sbarco a Marsiglia… mah vedremo.

Come diceva quel tale?
In Italia, quando la posta è alta, c’è sempre qualcuno che medita una rapina…

http://aldoelestorietese.dilucide.com

LE NOTIZIE Dell’8 MARZO

marzo 7, 2009

LE NOTIZIE Dell’8 MARZO

Ne abbiamo già parlato, ricordate? I giornali non vanno più a cercare le notizie perché gliele fornisce chiavi in mano l’agenzia. Che è ostaggio dei politici.

Era solo un dubbio, ma finalmente oggi l’ADNKronos ha dissolto ogni incertezza. Infatti, confezionando le notizie per i quotidiani dell’8 Marzo, accanto al triangolo amoroso del Grande Fratello, alle mogli che vogliono fare sesso dopo i sessant’anni, alle donne che lo vogliono MachO e duro, l’oroscopo, l’almanacco, lo spottone audi e varie pinzillacchere, ha distribuito questa importantissima notizia:

 

 

ADN Kronos, ultimo aggiornamento: 07 marzo, ore 09:02

 

Cronaca
25- 31- 68- 67- 2. Ecco la cinquina per l’8 marzo
Seguendo la Smorfia, il mondo femminile può essere associato a questo numeri. Simboleggiano il dominio, la seduzione, la tenacia, la vittoria e l’amore

 

BUONA NOTTE…

 

http://www.giornalismi.info/aldovincent

 

Ieri il blog ha pubblicato un’intervista a Gioacchino Genchi

marzo 3, 2009

Ieri il blog ha pubblicato un’intervista a Gioacchino Genchi che accusa servizi segreti e politici di essere coinvolti nella morte di Falcone e Borsellino. Genchi non è uno qualunque. E’ l’uomo che secondo lo psiconano ha intercettato 350.000 italiani. La più grande spia della Storia dopo Mata Hari.
Sapevo che le reazioni alle parole di Genchi, le più pesanti che io abbia mai sentito contro quello che ci ostiniamo a chiamare e pensare Stato, potevano essere solo due. Farlo passare per mitomane o il silenzio assoluto, mafioso di tutti i giornali e i canali televisivi.
L’omertà ha prevalso. Nessuno ha visto e sentito. Non Mieli, non Riotta, non Mauro.
Il video di Genchi è il più visto su YouTube nelle ultime ventiquattro ore, ma nessun media nazionale ne ha riportato il contenuto. Un paradosso dell’informazione. Se chiudono la Rete, su questo Paese caleranno le tenebre. La Cupola dei Giornalisti è più forte, più coesa di Cosa Nostra. Genchi ha detto la verità, la controprova è che Genchi per i media non esiste, che i mandanti degli omicidi di Falcone e Borsellino non possono essere neppure nominati.
Genchi ha detto:
E questa è l’occasione perché ci sia una resa dei conti in Italia. A cominciare dalle stragi di via D’Amelio alla strage di Capaci. Perché queste collusioni fra apparati dello Stato servizi segreti, gente del malaffare e gente della politica, è bene che gli italiani comincino a sapere cosa è stata.”
Genchi era presente in via D’Amelio, ha visto il corpo carbonizzato di Borsellino, ha seguito le indagini sul segnale che ha innescato la bomba, non parla per sentito dire. Borsellino era minacciato, ogni domenica si recava da sua madre, ma lo Stato non riuscì neppure a isolare l’area di parcheggio di fronte al palazzo con una transenna. Genchi non è l’unico a indicare nella strage di via D’Amelio la nascita della Seconda Repubblica.
Antonio Ingroia, pm di Palermo:
La verità va cercata a ogni costo, io penso che la cosiddetta Seconda Repubblica ha i suoi pilastri nel sangue versato da tanti uomini dello Stato, magistrati e poliziotti” (*).
Dalla sentenza della corte d’Assise di Caltanisetta del processo Borsellino ter:
Proprio per agevolare la creazione di nuovi contatti politici occorreva eliminare chi, come Borsellino, avrebbe scoraggiato qualsiasi tentativo di approccio con Cosa Nostra e di arretramento nell’attività di contrasto alla mafia, levandosi a denunciare, anche pubblicamente, dall’alto del suo prestigio professionale e dalla nobiltà del suo impegno civico, ogni cedimento dello Stato o di sue componenti politiche” (*).
Se l’informazione non esiste, facciamoci noi informazione. Ci vuole un nuovo CLN. Un Comitato di Liberazione Nazionale dell’informazione. Riportate sul vostro blog il testo dell’intervista di Genchi, traducetelo in tutte le lingue e inviatelo ai blog esteri che conoscete. Linkate il video da Youtube. Create i vostri video con le vostre analisi e conclusioni.
Loro non molleranno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

(*) Testi tratti dal libro: “L’agenda rossa di Paolo Borsellino” di Lo Bianco/Rizza.

GLI INTELLETTUALI ITALIANI

febbraio 10, 2009

GLI INTELLETTUALI ITALIANI

Fateci caso, sono quelli (I giornalisti sono inclusi immeritatamente in questa categoria ) che si sono sempre opposti al precedente regime! Loro fiutano il vento, e quando la cosa si fa sporca, ma proprio sporca, abbandonano la nave, subito dopo le puttane e prima dei topi.

 

Leggete i titoli di questi giorni: Guzzanti (il padre di quello vero) se n’è andato a rinfoltire il gruppo liberale: glie ne mancava uno per giocare ai quattro cantoni. Brunetta minaccia d’andarsene, Mentana sbatte la porta, Giannino si allontana zoppicando, Fini si butta a sinistra, la Colli torna al Teatro che nemmeno si era accorta d’esser stato abbandonato…

 

Rimangono fissi (si fa per dire) solo i Craxi, i Letta, i Mastella, coloro cioè che hanno fatto della politica un affare di famiglia e ovunque soffi il vento, loro si scambiano semplicemente i ruoli. Franza o Spagna, purchè se magna…

 

P.S.

La direzione di Libero ha annunciato che dal 15 febbraio Paolo Emilio Russo andrà in aspettativa per un anno per andare a ricoprire il ruolo di portavoce di Mara Carfagna. Che sarà portavoce del governo che è portavoce di Berlusconi.

Portan tutti la voce. Noi portiamo la croce…

 

 

Aldo Vincent

SATIRA ON LINE

http://www.giornalismi.info/aldovincent

http://www.facebook.com/profile.php?id=1357875125

 

 

P.P.S.

Ieri sul giornale c’erano le dichiarazioni di Maradona e la sparata di Gasparri, ma non ho capito chi è dei due che si fa di cocaina…

 

 

 

Quando la posta e` alta, in Italia qualcuno medita la rapina.